giovedì 21 novembre 2013





1- Avere gli amici col Phantom o lo Zx con gli adesivi della De Puta madre

2- Comprare i sughi pronti di sottomarca

3- Appendere in camera il Calendario di For Men magazine

4- Saltare la colazione

5- Andare in villaggio turistico a Cattolica\ Lido delle Nazioni

6- Sputare fuori dalla finestra

7- Lavarsi col Bagnoschiuma ' Pino Silvestre'


8- Odiare i figli degli amici dei tuoi genitori

9- Frequentare l'istituto Tecnico

10- Andare a guardare le mamme 40enni che vanno a prendere i figli a scuola

Posted on 04:00 by LAMAMMA

No comments

martedì 19 novembre 2013

 

Tutti vi siete chiesti: 'perchè Fabio Bonetti da Calcinate ha scelto di farsi chiamare Fabio Volo?'
La risposta è una sola: Volo è un omaggio di Fabio al  mestiere del nonno Antoine Jean Baptiste Marie Roger de Saint-Exupéry (1900 – 1944), scrittore e aviatore francese.

Non ci credete?

Allora ditemi se queste sono solo coincidenze:

Fabio e suo Nonno Antoine sono entrambi nati a Giugno 

Fabio Dal 2011 è fidanzato con l'islandese Johanna Hauksdottir, un'istruttrice di pilates conosciuta in una palestra di New York, proprio dove ha sede il NY Times che nel 1942 pubblicò una lettera aperta scritta da Saint Exupery a tutti i francesi, ovunque si trovassero.

Fabio e suo Nonno scrivono lo stesso tipo di aforismi.
(di seguito gli aforismi di Antoine; è lampante la somiglianza con quelli di Fabio)

È una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito. È una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non credere in nessun amore solo perché uno di loro è stato infedele, buttate via tutte le possibilità di essere felici solo perché qualcosa non è andato per il verso giusto. Ci sarà sempre un'altra opportunità, un'altra amicizia, un altro amore, una nuova forza. Per ogni fine c'è un nuovo inizio.

Si devono pur sopportare dei bruchi se si vogliono vedere le farfalle... Dicono siano così belle!

Ognuno è responsabile di tutti. Ognuno da solo è responsabile di tutti. Ognuno è l'unico responsabile di tutti.

Tutti i grandi sono stati bambini una volta.

È molto più difficile giudicare se stessi che giudicare gli altri.

Non avrei dovuto ascoltarlo, mi confidò un giorno, non bisogna mai ascoltare i fiori. Basta guardarli e annusarli.

Solo i bambini sanno quello che cercano. Perdono tempo per una bambola di pezza e lei diventa così importante che, se gli viene tolta, piangono.

Ma gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare con il cuore.

Amore non è guardarci l'un l'altro, ma guardare insieme nella stessa direzione.

Pensava di poter riconoscere un certo volto tra mille, e, nondimeno, lo aveva già dimenticato.

da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/saggezza/frase-195766?f=a:69>


Posted on 02:06 by LAMAMMA

No comments